Il 5 per mille non sostituisce l'8 per mille e non costituisce nessun costo aggiuntivo per il contribuente. Destinare il 5 per mille dell'Irpef a Progetto Itaca Asti è facile, bastano due gesti:

1. Firma il riquadro dedicato alle Organizzazioni Non Lucrative (Onlus)

2. Indica il codice fiscale di Progetto Itaca Asti : 92050690053

 

Se vuoi partecipare alle discussioni nei gruppi di autoaiuto o dei parenti, fai l'iscrizione e scegli un nickname (facoltativo). Troverai uno spazio anche tuo di confronto libero e amichevole.

 

 

DEPRESSIONE, ANSIA e DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE COMPORTANO, SPESSO, GRAVISSIME CONSEGUENZE

 

Questi disturbi vengono vissuti sia dal paziente sia dalla sua famiglia come una colpa, una vergogna da tenere nascosta; si pensa che siano causati da debolezza di carattere, da rapporti sbagliati. Spesso il disturbo non viene riconosciuto ed il paziente non riceve una diagnosi per mesi, a volte anche per anni.

 

Il pesante pregiudizio contro i farmaci psichiatrici e la paura dello psichiatra, che é lo specialista a cui bisogna rivolgersi, fanno sí che il paziente non venga curato o venga curato in modo improprio (molti pensano che debba reagire con la sua volontà).

 

Questo porta grandissima sofferenza e spesso gravi danni all'individuo e alla sua famiglia e costi sociali molto elevati per la collettività.

 

Per l'individuo: sofferenza personale, perdita di lavoro e ritiro dalla vita sociale, emarginazione ed isolamento, forte rischio di suicidio.

 

Per la famiglia: sofferenza di tutto il nucleo familiare, spesso separazioni, divorzi, grave rischio di episodi di violenza che leggiamo nella cronaca.

 

Per la collettività: perdita di forze lavorative, assenteismo, licenziamenti (il 17% delle giornate lavorative perse hanno questa motivazione). Si calcola che in Italia i costi indiretti dei disturbi dell'Umore gravino sulla società per circa 5 miliardi di euro (7/8 volte più alti dei costi diretti dei ricoveri, medicinali ecc).

 

IN PARTICOLARE NEI GIOVANI E NEGLI ADOLESCENTI UN PROBLEMA DI ANSIA O DEPRESSIONE NON RICONOSCIUTO E NON CURATO PUO’ PORTARE ALLA TOSSICODIPENDENZA, NON COME DESIDERIO DI TRASGRESSIONE, MA COME AUTOCURA.

 

Caratteristiche delle malattie mentali

 

Le Malattie mentali sono disturbi che hanno anche una componente organica. Non possono essere affrontate con la volontà del paziente e non dipendono dal carattere e dall'intelligenza della persona.

 

Le malattie mentali presentano diversi gradi di gravità. Le più gravi e invalidanti colpiscono dal 2,6 al 5,4 % della popolazione adulta e dal 5 al 9% di bambini e ragazzi fra i 5 e i 17 anni (secondo statistiche U.S.A.).

 

Le malattie mentali sono la causa maggiore di invalidità (anni persi di vita produttiva) nel Nord America e in Europa e sempre in crescendo nel mondo. Si prevede che nel 2020 la depressione maggiore sarà la maggiore causa di invalidità nel mondo per le donne e i bambini.

 

Le malattie mentali colpiscono le persone all'inizio della loro vita, spesso nell'adolescenza e nei primi anni dell'età adulta. Tutte le età possono essere colpite, ma la giovinezza e la vecchiaia sono particolarmente vulnerabili. In assenza di cure le conseguenze delle malattie mentali per l'individuo e la società sono devastanti: invalidità permanente, disoccupazione, abuso di sostanze, arresti e detenzione impropria, suicidio. Negli Stati Uniti il costo economico delle malattie mentali non curate è più di 100 miliardi di dollari (non siamo al corrente di dati riferiti all'Italia).

 

I farmaci più recenti per le malattie mentali gravi sono oggi molto efficaci. Fra il 70 e il 90 % delle persone colpite ha una significativa riduzione dei sintomi e un notevole miglioramento della qualità della vita con una combinazione di trattamento farmacologico e supporto psicosociale. La diagnosi precoce e la cura tempestiva sono di vitale importanza. Dare alle persone tempestivamente la cura di cui hanno bisogno rende più veloce la ripresa e protegge il cervello da ulteriori danni che possono insorgere nel corso della malattia. Lo stigma che accompagna queste malattie contribuisce a minare la convinzione che queste siano un problema di Salute reale e curabile. Si è permesso che lo stigma e un senso di sfiducia, oggi immotivato, erigessero delle barriere strutturali e finanziarie che non permettono di arrivare tempestivamente alla cura e di ottenere il recupero della salute. E' tempo di abbattere queste barriere.